il vero

vivere

toscano

l'Uomo in Nero con il cappello

Marzocco di Montepulciano

Un po' di storia

Etimologia del nome Montepulciano

Iniziamo con spiegare da dove potrebbe derivare il nome Montepulciano.

Alcuni studiosi fanno risalire che a fondare Montepulciano, circa nel 500 a.C., fu Re Porsenna il Grande Lucumone di Chiusi.

Il nome in Etrusco di Porsenna era qualcosa di simile a Lars Porsina da cui, a seguito di molte storpiature, quel paese sul monte fondato da Re Porsenna divenne nel medioevo Mons Politianus.

A seguire il nome dei suoi abitanti era quindi Politianus che si storpiò, in epoca rinascimentale, in Poliziani.

Il nome prese piede anche perchè, nel periodo di inizio Rinascimento, era abbastanza famoso a Firenze il poeta Angelo (Agnolo) Ambrogini (1454 + 1494) che però si faceva chiamare, o lo chiamavano, con il soprannome di (Agnolo) Poliziano.

Montepulciano

Comunque del periodo arcaico di Montepulciano, oltre che al riferimento sopra citato di Re Porsenna, poco si può dire senza sfociare nel puro mito.

Probabilmente il crinale era abitato anche in epoca etrusco / romana, visti i ritrovamenti murati sulla facciata del Palazzo Bucelli, anche se molti di essi provenivano dagli scavi di Acquaviva.

A favorire lo sviluppo di Montepulciano fu il fatto di sovrastare la valle che congiungeva Chiusi / Chianciano con Arezzo / Cortona.

Non per caso la tradizione vuole che Montepulciano fu evangelizzata nel IV secolo da San Donato Vescovo di Arezzo.

Arco del Paolino
Arco del Paolino

La prima citazione ufficiale di Montepulciano è in una nota del 715 che la cita come "mons Politianus".

Nel periodo Medioevale Montepulciano fu libero comune.

Il XII e XIII secolo sono ricordati per le numerose guerre con la vicina Repubblica di Siena.

Seguendo la regola che il nemico del tuo nemico (potrebbe essere) tuo amico, fu in questo periodo che Montepulciano si avvicinò alla sfera di influenza di Firenze.

Per Montepulciano, sostanzialmente, fu finire dalla padella alla brace, ma non c'erano molte alternative.

A far traboccare il vaso fu la tirannia imposta dalla famiglia dei Del Pecora Signori di Valiano.

Nel 1390, dopo la cacciata dei Del Pecora, Montepulciano si alleò stabilmente con Firenze diventandone il caposaldo a sud di Siena.

Il Rinascimento umanistico di Montepulciano ebbe inizio con Monsignore Bartolomeo Aragazzi Arciprete della Cattedrale.

Monsignor Aragazzi, prima di concludere i suoi giorni a Montepulciano, fu segretario apostolico di Papa Martino V e di Angelo Poliziano.

Una curiosità il Monsignore si (auto)commisionò direttamente il suo monumento funebre, fatto in pregiato marmo di Carrara, facendolo realizzare da Michelozzo Michelozzi.

Il monumento è oggi diviso in otto frammenti di cui sei sono murati dentro la Cattedrale, mentre due angeli sono al Victoria and Albert Museum di Londra.

Nel 1501 nasceva a Montepulciano Marcello Cervini che fu Papa per soli 28 giorni (+30 aprile 1555) con il nome di Marcello II.

Nel 1511 Montepulciano passa definitivamentre sotto Firenze.

A ricordo di ciò i Poliziani incisero sulla porta e sull'architrave della sala del consiglio l'iscrizione:

Recuperatio Libertatis, A.D. 1511

Gian Gastone dei Medici
Gian Gastone dei Medici

Con la caduta di Siena del 1555, Montepulciano perse molta della sua importanza strategica.

Comunque fu in questo periodo che si assistè alla profonda modifica dell'abitato medioevale di Montepulciano con la sua trasformazione nella città che praticamente è arrivata intatta fino ai giorni nostri.

A Montepulciano si erano trasferite negli anni alcune famiglie con discrete capacità economiche.

Gli Avignonesi, i Bellarmino, i Benci, i Cervini, i Cini, i Cocconi, i Contucci, i Ricci, i Tarugi erano i reale competizione per assicurarsi i servigi, come nuovi capitani di ventura, dei migliori architetti del periodo.

Ecco quindi che tra il 1500 ed il 1600 a Montepulciano lavorarono:

L'ordine è casuale e non vogliamo far torto alla bravura di ognuno di essi.

Resta il fatto che progettarono e/o realizzarono tutti i Palazzi e la Cattedrale che oggi ammiriamo:

Santi e Beati

Oltre a Papa Marcello II ed al Monsignore Bartolomeo Aragazzi a Montepulciano sono nati ben 2 Santi, 9 Cardinali e numerosi Beati.

Stemma del Cardinale Bellarmino
Stemma del Cardinale Bellarmino

Santi

Sant'Agnese Segni (1268 - 1317)

Cardinale San Roberto Bellarmino (1542 - 1621)

Cardinali

Antonio Casini - (? - 1439)

Antonio Ciocchi del Monte - (1461 - 1533)

Giovanni Ricci - (1497 - 1674)

Francesco Maria Tarugi - (1526 - 1608)

Roberto Nobili - (1541 - 1559) - fatto Cardinale da Papa Paolo IV a "soli" 14 anni

San Roberto Bellarmino - Gesuita (1542 - 1621)

Bartolomeo Massei - (1663 - 1747)

Francesco Maria Casini - (? - 1719)

Paolo Massi - (1712 - 1785)

Prenota con Noi

Visita Montepulciano con GetYourGuide

AugurandoTi una buona visita a Montepulciano ... Ti consigliamo di prenotare con Noi la Tua vacanza usando Booking.com.

Booking.com